Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Maratea è diventata una delle principali mete turistiche della Basilicata, sviluppando una grande considerazione nel panorama nazionale. La storia e la cultura millenaria si manifestano con grande evidenza lungo le strade del centro storico fino alla cima rocciosa del monte San Biagio dove si ergono le rovine della antica città di Maratea, distrutta nel 1806 da un contingente di soldati francesi. Sulle ceneri di quei tremendi eventi si erge oggi la grande statua del Cristo Redentore che domina imperiosa le meravigliose e piccole insenature della costa Lucana.
Piccole spiagge ma con caratteristiche diverse tra loro.

Acquafredda
Le sorgenti di acqua dolce, più fredda del mare caratterizzano la spiaggetta di Acquafredda, coperta da una fitta pineta.

Cersuta
Le querce danno il nome alla spiaggia della Cersuta, cerse è il nome dialettale di quercia.

Fiumicello-Santavenere
Sviluppatasi in tempi recenti con l'aggregazione dei due villaggi da cui prende il nome, è uno dei principali centri del turismo locale. È attraversata da un torrente che convoglia in mare le acque delle principali sorgenti della valle di Maratea.

Porto
Borgo di pescatori, si sviluppa a forma di anfiteatro intorno alla struttura portuale, realizzata a partire dal 1962. È uno dei centri principali del turismo locale, durante la stagione estiva ospita manifestazioni di vario genere.

Marina
E’ la frazione più grande per estensione superficiale, ma è composta per lo più da case sparse senza una precisa identità urbana. Il nucleo principale si raggruppa intorno alla stazione ferroviaria. Sul suo tratto di costa, dall'alto valore paesaggistico, ha numerose spiagge. Vi si trova la Grotta di Marina e il grazioso bosco de Ilicini.

Castrocucco
È la frazione più a sud, nonché unica zona pianeggiante del territorio comunale. Piccolo borgo, fu nel Novecento sede di molte attività agricole. Su un picco del monte retrostante si trova il grande Castello di Castrocucco, da cui prende il nome.

La natura incontaminata e un mare trasparente hanno valso alla città la Bandiera Blu 2013.